Cannabinoidi per l’emicrania

migraine

Dolore insopportabile: un attacco di emicrania paralizza la vita di chi ne è colpito. I pazienti con emicrania spesso trascorrono anni alla ricerca della giusta terapia e profilassi dell’attacco. Ci sono molti farmaci approvati, ma alcuni sono scarsamente tollerati o non funzionano. In questo senso, i cannabinoidi hanno mostrato risultati molto positivi: riducono gli attacchi di emicrania, l’impatto negativo della malattia sulla vita quotidiana e l’uso di analgesici.

Emicrania: il grande peso

L’emicrania è un dolore alla testa ricorrente, generalmente unilaterale, spesso accompagnato da nausea, vomito e sensibilità al rumore e alla luce. Circa tra il 10% e il 30% dei colpiti sperimenta anche un’aura. Si tratta di deficit neurologici temporanei, come alterazioni visive, intorpidimento o visione doppia. L’aura si verifica solo temporaneamente e non lascia danni permanenti.

Insieme all’emicrania tensiva, l’emicrania è uno dei disturbi cefalalgici più comuni. Per molto tempo è stata sottovalutata l’incapacità dei pazienti con emicrania. Le indagini sul Carico Globale di Morbilità hanno rivelato sia la prevalenza dei disturbi cefalalgici sia il notevole peso dell’emicrania. (1) A livello globale, tra il 10% e il 15% degli adulti soffre di emicrania. Circa il 6% – 8% di tutti gli uomini e il 12% – 14% di tutte le donne ne sono colpiti. Le donne non solo sono più soggette a emicranie, ma i loro attacchi tendono ad essere più lunghi e intensi. (2)

Secondo la Società Tedesca per l’Emicrania e le Cefalee (DMKG), solo in Germania circa 3,7 milioni di donne e 2 milioni di uomini soffrono di emicrania. L’emicrania è più frequente tra i 35 e i 45 anni. Dopo questa età, la gravità e la frequenza degli attacchi di emicrania diminuiscono in entrambi i sessi. Gli studi dimostrano che tra il 4% e il 5% dei bambini soffre anche di emicrania.

Si stima che l’emicrania causi la perdita di circa 270 giorni lavorativi all’anno per ogni mille persone della popolazione attiva. Quasi tutti i colpiti lamentano che gli attacchi di emicrania interferiscono nella loro vita quotidiana. Circa un terzo dei pazienti affetti trascura i loro doveri familiari a causa della condizione, il che porta a problemi domestici. Tuttavia, circa la metà dei pazienti con emicrania in Germania non cerca assistenza medica nonostante i sintomi. (2)

Cannabis medicinale ed emicrania

Possono i cannabinoidi alleviare gli attacchi di emicrania? Una revisione del 2022 ha esaminato l’efficacia e la sicurezza della cannabis per l’emicrania. A tal fine, sono state selezionate un totale di 12 pubblicazioni con 1.980 pazienti* provenienti da diverse fonti mediche e scientifiche (PubMed, EMBASE, PsycINFO, CINAHL, Web of Science).

La cannabis è efficace fino al 51%

Gli studi valutati hanno scoperto che la cannabis medicinale poteva ridurre significativamente le nausea e il vomito delle emicranie dopo 6 mesi di utilizzo. In tal modo, ha portato a una riduzione del numero e della frequenza delle emicranie già dopo 30 giorni. La cannabis medicinale è risultata fino al 51% più efficace nel ridurre le emicranie rispetto ai prodotti senza cannabis. In confronto all’amitriptilina, i cannabinoidi sono stati capaci di fermare gli attacchi di emicrania nel circa il 12% dei pazienti* e, inoltre, ridurne la frequenza. Gli effetti collaterali lievi si sono verificati in meno della metà di coloro che hanno assunto cannabis per via orale. (3)

 

Riduzione degli attacchi e minore uso di analgesici

Uno studio israeliano su pazienti con emicrania comorbida ha dimostrato anche che le persone che assumevano cannabinoidi vegetali (fitocannabinoidi) subivano attacchi dolorosi con una frequenza significativamente minore. (4)

Nello studio trasversale, sono state intervistate 145 persone malate (di cui il 67% erano donne) sulla frequenza dei loro attacchi di emicrania e sulla loro terapia con cannabis farmaceutica. Tutti i partecipanti avevano assunto fitocannabinoidi – sotto forma di estratto o inalati – per una media di tre anni prima dell’intervista. Un altro requisito era la comorbidità dell’emicrania: ovvero, tutti i soggetti avevano condizioni aggiuntive che giustificavano il trattamento con cannabinoidi.

Più del 60% dei partecipanti ha riportato una riduzione a lungo termine degli attacchi di emicrania, un impatto ridotto sul rendimento scolastico, lavorativo o domestico e una migliore qualità del sonno. Inoltre, il loro uso di analgesici è stato inferiore rispetto al gruppo di controllo. Hanno sperimentato anche meno effetti collaterali.

Conclusione

Come dimostrano gli studi, la cannabis medicinale può:

  • Avere effetti positivi sulla frequenza e l’incidenza delle emicranie,
  • Ridurre significativamente le nausee e il vomito,
  • Ridurre gli effetti negativi dell’emicrania sul rendimento,
  • Migliorare la qualità del sonno.
  • Tuttavia, ulteriori studi sperimentali sarebbero necessari per valutare in modo affidabile la sicurezza e l’efficacia della cannabis nell’emicrania.

About Kalapa Clinic

Informationen, die von medizinischen Cannabis-Experten erstellt und geprüft wurden. Alle Veröffentlichungen beruhen auf medizinischer Forschung und mit klinischen Referenzen.