Cannabidiolo

Nella pianta di cannabis sono stati identificati più di 100 cannabinoidi, cioè composti chimici che si trovano in forma naturale nella suddetta pianta. Uno dei più considerevoli è il cannabidiolo (CBD), che può arrivare a rappresentare fino al 45% dell’estratto della pianta. Molte delle varietà di Cannabis Sativa possiedono il CBD o cannabidiolo, però lo fanno in piccole quantità. Infatti, solo alcuni rami della pianta contengono una concentrazione sufficiente di CBD, affinché possa essere estratto in forma utile.

La prima volta che il CBD venne isolato dalla pianta di cannabis fu tra il 1930 e 1940, da ricercatori dell’Università dell’Illinois (USA). Tuttavia, non si venne a conoscenza della sua struttura e composizione chimica fino agli anni Sessanta, quando furono identificate dal professor Rafael Mechoulam. Dal 2013, PubMed, un database statunitense sulla ricerca medica, ha catalogato più di 1.500 studi sul cannabidiolo. In questo senso, molti scienziati affermano che il CBD è uno dei cannabinoidi più importanti scoperti al giorno d’oggi.

CBD Cannabidiolo | PROPRIETA' TERAPEUTICHE DEL CANNABIDIOLO | Kalapa Clinic

EFFETTI TERAPEUTICI DEL CANNABIDIOLO

In comparazione con gli altri cannabinoidi, , il cannabidiolo ha acquisito molta importanza nell’ambito terapeutico, in quanto carente delle proprietà psicoattive tipiche del THC (poiché non agisce attraverso i recettori CB1 del cervello, responsabili della psicoattività), che si possono ridurre quando si usano insieme CBD e THC.

In questo modo, si possono somministrare quantità simili di CBD e THC (rapporto di 1:1 o anche superiore di THC), senza che appaiano forti effetti negativi dovuti a quantità elevate di THC (come l’effetto psicoattivo, tachicardia, attacchi d’ansia ed altri)(Zuardi e colleghi, 1982) [1].

Anche se rimane ancora molto da investigare sulle proprietà del cannabidiolo, esistono vari studi che hanno dimostrato i suoi benefici da un punto di vista clinico.

I suoi effetti terapeutici più importanti derivano dalle sue proprietà [2]:

  • ansiolitica
  • analgesica
  • antiemetica
  • antiepilettica
  • antitumorale
  • antiossidante
  • antinfiammatoria
  • antipsicotica
  • immunomodulatore
  • antibatterica e antifunginea
  • neuroprotettore
  • antireumatica
  • induttore del sonno

Anche se non si conoscono appieno tutti i benefici del cannabidiolo, esistono investigazioni che hanno dimostrato i suoi benefici dal punto di vista clinico. Per esempio, gli esperti hanno rivelato la sua relazione con il sistema immunitario. Così è stato comprovato che, in alcune linee cellulari del sistema immunitario, il CBD possiede la capacità di inibire la produzione di alcune citochine (IL-8, IL-10, TNF-D, IFNJ). Queste prove collegano direttamente che il CBD possiede effetti benefici sulle malattie infiammatorie/autoimmuni. Pertanto, il CBD possiede proprietà antinfiammatorie, analgesiche, ansiolitiche ed antipsicotiche. Inoltre esistono studi che hanno collegato il cannabidiolo al sollievo del dolore cronico o per il trattamento dell’epilessia, tra le altre malattie.

Altre ricerche si sono concentrate sugli effetti del cannabidiolo sull’artrite. Così, uno studio sui ratti dimostrò che un trattamento con CBD (sia per via orale che intraperitoneale) aveva bloccato la malattia, paralizzando la sua crescita. Questi effetti si collegano all’attività immunosoppressiva e alla proprietà antinfiammatoria di questo cannabinoide (Malfait e colleg., 2000).

In una malattia come il cancro, il CBD produce un effetto sedativo nella maggior parte dei casi ed inibisce la trasmissione dei segnali nervosi associati al dolore. È stato notato che il CBD riduce la crescita delle cellule del cancro umano al seno in vitro e in vivo nei ratti, e riduce la sua invasività.

 Interazione cannabinoidi | Kalapa Clinic

COME USARE IL CANNABIDIOLO

Esistono differenti prodotti nel mercato che contengono CBD derivato da canapa certificata. L’olio di CBD è uno dei prodotti più conosciuti. Per usarlo, si può ingerire o utilizzare come composto in crema e unguento, spray, tè o infusi di canapa. L’effetto del cannabidiolo si manifesta entro 15 o 30 minuti dall’assunzione.

Nel caso dello spray, il suo funzionamento è molto semplice. Si tratta di applicare sotto la lingua (sublinguale) la dose prescritta dal medico specialista. Nel caso di infusioni, si tratta di preparare un infuso convenzionale, aggiungendo qualche tipo di latte o di grasso, come il burro, per far si che questo cannabinoide si dissolva correttamente.

Anche se il CBD è ancora oggetto di studi nei paesi di tutto il mondo, in Spagna i prodotti composti con CBD e THC (quest’ultimo con una quantità inferiore allo 0,2%) possono essere consumati legalmente e non richiedono una prescrizione medica per essere acquistati. D’altro canto, in Spagna c’è solo un precedente di farmaco composto da cannabidiolo, denominato Sativex. Si tratta di una soluzione farmacologica sviluppata da GW Pharma e composta da CBD e THC (rapporto 1:1), consigliato nel trattamento del dolore e di spasticità nelle persone con sclerosi multipla [3].

olio di CBD| Kalapa Clinic

Fuente: Universidad de Sevilla

CALCOLATORE DI CANNABIDIOLO

Quando si assume cannabidiolo, uno dei punti principali è sapere quantificare i milligrammi di cannabidiolo che il paziente deve ingerire. A seconda della concentrazione nell’olio di CBD, si potrà determinare la dose da somministrare.
Esistono pagine che offrono un calcolatore di olio di CBD , basandosi sui dati pubblicati dai loro produttori, che permettono quindi di quantificare il CBD presente in ogni goccia.

Calculatore di Cannabidiolo

IL CANNABIDIOLO IN UN OTTICA CHIMICA

Il Cannabidiolo chimicamente si esprime come 2-(6-isopropenil-3-metile-2-cicloesene-1-il)-5-pentile-1,3-benzendiolo. È integrato nella famiglia dei terpenofenoli, sostanze che sono soliti possedere una struttura carbociclica con 21 carboni e sono generalmente formati da tre anelli: cicloesano, tetraidropirano e benzene. La sua forma molecolare è C21H30O2 e il suo peso molecolare è di 314,4636. Il suo punto di fusione è di 66°C e il suo punto di ebollizione è a 180°C. A temperatura ambiente forma una cristallizzazione rossastra. È una molecola insolubile in acqua, però solubile in solventi organici e in grassi [4].

L’effetto terapeutico che provoca il cannabidiolo si deve a la liposolubilità di questa sostanza, in quanto interferisce con la risposta nocicettiva delle cellule nervose, la cui struttura cellulare è altamente lipidica. A causa di questa liposolubilità, le preparazioni domestiche di questo prodotto dovranno possedere un contenuto medio-alto di grasso, utilizzando quindi una base, per esempio, di latte oppure di olio. Per ottenere un effetto terapeutico è sempre preferibile usare basi di oli naturali organici.

Bibliografia sul Cannabidiolo

[1] Zuardi y cols., Action of cannabidiol on the anxiety and other effects produced by delta 9-THC in normal subjects. 1982.

[2] Di Marzo V, Pisticelli F. The endocannabinoid system and its modulation by phytocannabinoids. Neurotherapeutics. 2015, 12(4):692-698.

[3] OREJA-GUEVARA, C. Tratamiento de la espasticidad en la esclerosis múltiple: nuevas perspectivas con el uso de cannabinoides. Rev Neurol 2012; 55: 421-30

[4] SEIC. Guía Básica sobre los cannabinoides. 2002.

Informazioni sul CBD per differenti malattie

  SE SEI INTERESSATO NEL SAPERE SE PUOI INIZIARE UNA TERAPIA CON CANNABINOIDI, RICHIEDI UNA VISITA QUI

RICHIEDI VISITA

 

  • cannabinoids children bambini

Cannabinoidi e Bambini

13,12, 2018|Commenti disabilitati su Cannabinoidi e Bambini

Esistono molte gravi malattie che possono colpire i bambini, come l’epilessia, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività, l’autismo o la paralisi cerebrale, per menzionarne alcuni. Quando un bambino nasce con una di queste [...]

  • lupus

Gestire il Lupus con Cannabinoidi

05,12, 2018|Commenti disabilitati su Gestire il Lupus con Cannabinoidi

Il Lupus è una malattia autoimmune cronica, che si stima colpisca 5 milioni di persone in tutto il mondo. Si verifica con più frequenza nelle donne (per il 90%) che negli uomini. È caratterizzata da [...]

  • CINV-

Terapia con Cannabinoidi per Nausea e Vomito indotti da Chemioterapia

29,11, 2018|Commenti disabilitati su Terapia con Cannabinoidi per Nausea e Vomito indotti da Chemioterapia

La Chemioterapia è probabilmente uno dei trattamenti più comuni per il cancro. Si utilizza spesso in combinazione con altri trattamenti, come la chirurgia, per esempio. L’obiettivo principale è di curare, o quanto meno diminuire la [...]

  • cbd cannabidiolo

L’uso del Cannabidiolo per trattare malattie cutanee non minacciose per la vita

22,11, 2018|Commenti disabilitati su L’uso del Cannabidiolo per trattare malattie cutanee non minacciose per la vita

Il cannabidiolo (CBD) è il secondo componente più conosciuto, presente nella pianta di cannabis, dopo il tetraidrocannabinolo. Esso vanta molteplici benefici medici, che variano dall’essere un trattamento omeopatico ad un farmaco terapeutico. Quando si tratta [...]

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...