Sistema Endocannabinoide

Il sistema endocannabinoide del corpo umano è un sistema di comunicazione tra cellule. Si tratta di un sistema di neurotrasmissione che si trova in diverse zone e tessuti del nostro organismo e aiuta nella regolazione di vari processi metabolici.

I recettori cannabinoidi (CB), insieme agli endocannabinoidi, costituiscono il sistema endocannabinoide, essenziale per un corretto funzionamento del corpo. Con milioni di anni di antichità, il sistema endocannabinoide non solo si trova nell’essere umano, ma è presente anche in mammiferi, uccelli, anfibi e altri animali.

Il nostro corpo possiede diverse zone nelle quali i cannabinoidi si aderiscono alla superficie delle cellule in forma che l’organismo produce vari endocannabinoidi che si agganciano ai recettori cannabinoidi e li attiva. In funzione della cellula, le dosi e la situazione nella quale si trova il corpo, questa attivazione provoca cambi nelle cellule che danno origine a effetti fisiologici come per esempio ansietà, euforia, riduzione del dolore, rilassamento muscolare ed altri.

Oltre all’attivazione dei recettori CB, si stanno studiando altre forme di manipolazione di questo sistema con fini terapeutici. Per esempio si sta ricercando il blocco dei recettori CB o la modulazione della concentrazione di endocannabinoidi attraverso dell’inibizione della sua degradazione.

Attualmente esistono trattamenti con endocannabis che, tramite vari preparati, stimolano i recettori CB (il dronabinol, il nabilone e la cannabis). Inoltre, esiste anche un composto che blocca il recettore CB1 (il rimonabant).

Sistema Endocannabinoide | Kalapa Clinic

 

 

Cannabis ed Endocanabinoidi con fini terapeutici

Il dronabinol e il nabilone sono due agonisti dei recettori CB che attualmente vengono utilizzati;  ugualmente lo sono il Sativex, che è un estratto della cannabis, e il rimonabant, un antagonista dei recettori CB. Entrambi sono cannabinoidi sintetici che hanno un potere limitato come elementi terapeutici.

Sono i fitocannabinoidi, provenienti dalla pianta intera, quelli che stanno offrendo risultati migliori, grazie all’effetto seguito che portano con sé il resto dei suoi elementi come i flavonoidi e i terpeni.

L’uso dei cannabinoidi con fini terapeutici ancora è in fase di ricerca in molti paesi. Tuttavia, nelle farmacie dei Paesi Bassi è possibile ottenere cannabis grezza. In questo caso, la cannabis è regolata e la sua produzione è controllata e supervisionata dal Ministro della Sanità dell’Olanda.

In paesi come Spagna, Belgio e alcune regioni della Svezia viene tollerato l’uso terapeutico della cannabis in piccole dosi. Anche negli Stati Uniti alcuni paesi hanno legalizzato l’uso medico della cannabis e, in Canada, i cittadini hanno la possibilità di consumare cannabis a fini terapeutici sempre quando ottengono un certificato di esenzione. Inoltre, il Ministero della Sanità canadese agevola la cannabis di tipo vegetale ai pazienti nel caso in cui questi non vogliono coltivarlo loro stessi.

L’uso dei cannabinoidi con fini terapeutici continua ad essere piuttosto sconosciuto nei consulti medici e nei trattamenti medici alternativi. Tuttavia, i casi menzionati nei paesi di Europa, Stati Uniti e Canada dimostrano che l’uso dei cannabinoidi può avere risultati ed effetti medici positivi.

Informazione aggiutiva sui cannabinoidi

  SE SEI INTERESSATO NEL SAPERE SE PUOI INIZIARE UNA TERAPIA CON CANNABINOIDI, RICHIEDI UNA VISITA QUI

RICHIEDI VISITA

Ultime pubblicazioni sulla cannabis terapeutica

  • cannabinoids children bambini

Cannabinoidi e Bambini

13,12, 2018|Commenti disabilitati su Cannabinoidi e Bambini

Esistono molte gravi malattie che possono colpire i bambini, come l’epilessia, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività, l’autismo o la paralisi cerebrale, per menzionarne alcuni. Quando un bambino nasce con una di queste [...]

  • lupus

Gestire il Lupus con Cannabinoidi

05,12, 2018|Commenti disabilitati su Gestire il Lupus con Cannabinoidi

Il Lupus è una malattia autoimmune cronica, che si stima colpisca 5 milioni di persone in tutto il mondo. Si verifica con più frequenza nelle donne (per il 90%) che negli uomini. È caratterizzata da [...]

  • CINV-

Terapia con Cannabinoidi per Nausea e Vomito indotti da Chemioterapia

29,11, 2018|Commenti disabilitati su Terapia con Cannabinoidi per Nausea e Vomito indotti da Chemioterapia

La Chemioterapia è probabilmente uno dei trattamenti più comuni per il cancro. Si utilizza spesso in combinazione con altri trattamenti, come la chirurgia, per esempio. L’obiettivo principale è di curare, o quanto meno diminuire la [...]

  • cbd cannabidiolo

L’uso del Cannabidiolo per trattare malattie cutanee non minacciose per la vita

22,11, 2018|Commenti disabilitati su L’uso del Cannabidiolo per trattare malattie cutanee non minacciose per la vita

Il cannabidiolo (CBD) è il secondo componente più conosciuto, presente nella pianta di cannabis, dopo il tetraidrocannabinolo. Esso vanta molteplici benefici medici, che variano dall’essere un trattamento omeopatico ad un farmaco terapeutico. Quando si tratta [...]

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...