Sistema Endocannabinoide

Il sistema endocannabinoide del corpo umano è un sistema di comunicazione tra cellule. Si tratta di un sistema di neurotrasmissione che si trova in diverse zone e tessuti del nostro organismo e aiuta nella regolazione di vari processi metabolici.

I recettori cannabinoidi (CB), insieme agli endocannabinoidi, costituiscono il sistema endocannabinoide, essenziale per un corretto funzionamento del corpo. Con milioni di anni di antichità, il sistema endocannabinoide non solo si trova nell’essere umano, ma è presente anche in mammiferi, uccelli, anfibi e altri animali.

Il nostro corpo possiede diverse zone nelle quali i cannabinoidi si aderiscono alla superficie delle cellule in forma che l’organismo produce vari endocannabinoidi che si agganciano ai recettori cannabinoidi e li attiva. In funzione della cellula, le dosi e la situazione nella quale si trova il corpo, questa attivazione provoca cambi nelle cellule che danno origine a effetti fisiologici come per esempio ansietà, euforia, riduzione del dolore, rilassamento muscolare ed altri.

Oltre all’attivazione dei recettori CB, si stanno studiando altre forme di manipolazione di questo sistema con fini terapeutici. Per esempio si sta ricercando il blocco dei recettori CB o la modulazione della concentrazione di endocannabinoidi attraverso dell’inibizione della sua degradazione.

Attualmente esistono trattamenti con endocannabis che, tramite vari preparati, stimolano i recettori CB (il dronabinol, il nabilone e la cannabis). Inoltre, esiste anche un composto che blocca il recettore CB1 (il rimonabant).

Sistema Endocannabinoide | Kalapa Clinic

 

 

Cannabis ed Endocanabinoidi con fini terapeutici

Il dronabinol e il nabilone sono due agonisti dei recettori CB che attualmente vengono utilizzati;  ugualmente lo sono il Sativex, che è un estratto della cannabis, e il rimonabant, un antagonista dei recettori CB. Entrambi sono cannabinoidi sintetici che hanno un potere limitato come elementi terapeutici.

Sono i fitocannabinoidi, provenienti dalla pianta intera, quelli che stanno offrendo risultati migliori, grazie all’effetto seguito che portano con sé il resto dei suoi elementi come i flavonoidi e i terpeni.

L’uso dei cannabinoidi con fini terapeutici ancora è in fase di ricerca in molti paesi. Tuttavia, nelle farmacie dei Paesi Bassi è possibile ottenere cannabis grezza. In questo caso, la cannabis è regolata e la sua produzione è controllata e supervisionata dal Ministro della Sanità dell’Olanda.

In paesi come Spagna, Belgio e alcune regioni della Svezia viene tollerato l’uso terapeutico della cannabis in piccole dosi. Anche negli Stati Uniti alcuni paesi hanno legalizzato l’uso medico della cannabis e, in Canada, i cittadini hanno la possibilità di consumare cannabis a fini terapeutici sempre quando ottengono un certificato di esenzione. Inoltre, il Ministero della Sanità canadese agevola la cannabis di tipo vegetale ai pazienti nel caso in cui questi non vogliono coltivarlo loro stessi.

L’uso dei cannabinoidi con fini terapeutici continua ad essere piuttosto sconosciuto nei consulti medici e nei trattamenti medici alternativi. Tuttavia, i casi menzionati nei paesi di Europa, Stati Uniti e Canada dimostrano che l’uso dei cannabinoidi può avere risultati ed effetti medici positivi.

  SE SEI INTERESSATO NEL SAPERE SE PUOI INIZIARE UNA TERAPIA CON CANNABINOIDI, RICHIEDI UNA VISITA QUI

RICHIEDI VISITA

Ultime pubblicazioni sulla cannabis terapeutica

  • glioma gliom

Trattamento del Tumore Cerebrale (Glioma) con cannabis terapeutica

09,08, 2019|Commenti disabilitati su Trattamento del Tumore Cerebrale (Glioma) con cannabis terapeutica

La cannabis terapeutica è utilizzata per varie malattie come dolore cronico, sclerosi multipla, epilessia o nausea e vomito. Potrebbe però essere utilizzata anche per il cancro al cervello? Glioma: il cancro cerebrale più aggressivo? [...]

  • Man with a heart attack

La cannabis potrebbe ridurre il tasso di mortalità ospedaliera dopo un attacco cardiaco

11,07, 2019|Commenti disabilitati su La cannabis potrebbe ridurre il tasso di mortalità ospedaliera dopo un attacco cardiaco

Un infarto miocardico acuto (IMA), comunemente conosciuto come attacco cardiaco, si verifica quando il flusso sanguigno si ferma o diminuisce in una parte del muscolo cardiaco, causando danni. I sintomi includono bruciore di stomaco [...]

  • disturbo ossessivo compulsivo- Obsessive Compulsive Disorder

Cannabinoidi per il Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC) Refrattario

04,07, 2019|Commenti disabilitati su Cannabinoidi per il Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC) Refrattario

Il disturbo ossessivo compulsivo (DOC) è un disordine mentale, caratterizzato da ansia o stress, che presenta pensieri persistenti (meglio conosciuti come ossessioni). Questi pensieri ricorrenti sono repressi da nuovi pensieri o azioni, conosciuti come compulsioni [...]

  • acute pancreatitis - pancreatite acuta

Cannabinoidi per alleviare la pancreatite acuta

28,06, 2019|Commenti disabilitati su Cannabinoidi per alleviare la pancreatite acuta

Il pancreas è un organo situato dietro lo stomaco e difronte alla prima e seconda vertebra lombare. È composto da lobuli, piccoli dotti che provengono da ogni lobo e che si svuotano in un condotto [...]

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...