Tutto il mondo sperimenta in qualche momento della sua vita periodi di tristezza e disperazione ma questi sentimenti normalmente spariscono in questione di ore o perfino giorni; è semplicemente una parte inevitabile dell’essere umano. Tuttavia se questi “momenti bassi” si susseguono per un lungo periodo di tempo, può essere che stia soffrendo depressione.

La depressione è una malattia mentale che colpisce oltre 350 milioni di persone in tutto il mondo, ossia il 5% della popolazione mondiale. Inoltre il 20% delle persone con depressione sviluppano anche sintomi psicotici. Questa patologia porta il paziente a passare un lungo periodo di tristezza opprimente. Anche se ogni persona può vivere questa malattia la depressione in forma unica, la vittima spesso si sente demotivata e svogliata. Compiti quotidiani come alzarsi, lavarsi e riunirsi con amici possono risultare un compito arduo, portando alla persona a rimanere nell’isolamento e, così, peggiorando la sua situazione.

Che trattamenti per la depressione esistono?

I trattamenti per le malattie mentali sono molto complessi. Normalmente il trattamento per la depressione consiste nel sottomettere il paziente ad un periodo di consumo di medicine antidepressive. Un’altra opzione di trattamento per questa patologia è portare a termine una terapia di tipo cognitivo-comportamentale. Ci sono alcuni che combinano entrambe le opzioni.

Coloro che non ottengono risultati con tali trattamenti convenzionali possono ricorrere ad opzioni alternative come portare a termine un trattamento per la depressione a base di cannabinoidi. I cannabinoidi sono alcuni componenti presenti nella pianta di Cannabis Sativa che hanno proprietà terapeutiche.

Samir Haj-Dahmane, un noto esperto in cannabis medicinale e ricercatore nell’Università di Buffalo spiega che “l’uso di composti derivati dalla cannabis per ristabilire la funzione endocannabinoide normale potrebbe aiutare a stabilizzare gli stati di coraggio ed alleviare la depressione“.

D’altra parte, è stato scoperto che il cannabidiolo produce effetti antidepressivi ed antipsicotici in animali. Lo studio ebbe come obiettivo evidenziare una eventuale funzione antidepressiva del CBD in topi che furono sottoposti ad una prova di nuoto forzato. I risultati dimostrarono che il trattamento con CBD riduce la quantità di immobilità mostrata dai topi e che, in generale, il cannabidiolo induce effetti antidepressivi simili a quelli dell’imipramina, un antidepressivo standard.

In che altro modo i cannabinoidi possono aiutare a combattere la depressione?

  • Sonno: Per alcune persone la depressione può causare esaurimento. Altri, invece, soffrono di insonnia estrema. Il tetraidrocannabinolo (THC) può avere un effetto sedativo sull’utente, quello che fa che sia molto più facile dormire e, ancora più importante, non svegliarsi.
  • Appetito: THC e CBD sono cannabinoidi conosciuti per le loro proprietà stimolanti dell’appetito. In questo senso, in alcune occasioni la depressione è vincolata o provoca qualche tipo di disturbo alimentario. Per questo motivo, per le persone con questa malattia che perdono l’appetito, i cannabinoidi possono aiutarli a recuperare la voglia di mangiare.
  • Dolore: Spesso le persone che soffrono depressione sperimentano dolori. In questo senso, il cannabidiolo è molto efficace per alleviare questo tipo di sintomi grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie ed effetti analgesici.