Come definizione, un Disturbo Bipolare è una malattia che causa un’anormale variazione dello stato d’animo della persona: si alternano periodi di eccitamento (mania o la sua forma meno grave di ipomania), depressione e umore neutro (normotimia).

Queste fasi sono sproporzionate e possono raggiungere intensità incredibili ed incontrollabili. Ancora oggi, i ricercatori presentano ancora difficoltà spiegando le cause del disturbo bipolare. Tuttavia, è associato sia a fattori genetici che ambientali, come all’uso di droghe o stimolanti, stress e mancanza d’appetito.

Sintomi del disturbo Bipolare

Esistono vari sintomi, che vengono pertanto classificati in due categorie:

  • i sintomi della fase depressiva: sensazione di tristezza, ansia, colpevolezza, rabbia, isolamento, disperazione, disturbi di concentrazione, disturbi del sonno, d’appetito, fatica, isolamento sociale, perdita d’interesse del piacere, depersonalizzazione, aggressività, mancanza di concentrazione e pensieri suicidi.
  • e sintomi di eccitazione o fase maniaca : aumento dell’autostima, euforia, mania di grandezza, ridotta necessità di dormire, disattenzione, tendenza ad avere più progetti veramente ambiziosi, disinibizione sessuale e sociale.

Esistono due classici principali trattamenti per migliorare la condizione generale dei pazienti con disturbo bipolare: psicoterapia e farmaci psicotropi spesso combinati con antipsicotici, che stabilizzano lo stato d’animo ad un livello vivibile.

Cannabis terapeutica e disturbo bipolare

I primi studi sull’efficacia della cannabis terapeutica nel combattere il disturbo bipolare non furono molto positivi. Infatti, in una pubblicazione del 2015, i ricercatori hanno dimostrato che la cannabis potrebbe aumentare l’insorgenza premature dei sintomi, e tentativi di suicidio. Tuttavia, ciò non si verificava in tutti i pazienti, il che ha reso lo studio non completamente conclusivi.

[1]

Più recentemente, altri studi sono stati condotti altri studi che hanno portato in qualche modo risultati più positivi. Alcune persone con disturbo bipolare hanno riportato che i sintomi del proprio disturbo erano effettivamente ridotti, in relazione ad un regolare uso di cannabis [2].

In conclusione, è complicato stabilire ad oggi un’assoluta verità sull’efficacia o no dei cannabinoidi per il trattamento del disturbo bipolare. Tuttavia, si stanno attualmente conducendo nuovi studi in materia.

Ti è piaciuto questo post? Lasciaci una tua valutazione. Questo post è stato realizzato in base ad investigazioni esistenti prima della data di pubblicazione dell’articolo. A causa dell’incremento degli studi sulla cannabis medicinale, le informazioni fornite possono variare col tempo e proseguiremo ad aggiornarle nei successivi articoli.

[1] Torres, Rafaela et alt. The Use of Cannabis as a Predictor of Early Onset of Bipolar Disorder and Suicide Attempts. Neural Plasticity. Volume 2015, Article ID 434127, 13 pages

[2] Sagar KA, Dahlgren MK, Racine MT, Dreman MW, Olson DP, Gruber SA (2016) Joint Effects: A Pilot Investigation of the Impact of Bipolar Disorder and Marijuana Use on Cognitive Function and Mood. PLoS ONE 11(6): e0157060.