Notizie: Il THC aumenta l’effetto degli antidolorifici a base di oppiacei

Gli antidolorifici a base di oppiacei, come la morfina, sono farmaci importanti per il trattamento del dolore severo e cronico. Tuttavia, possono causare spiacevoli effetti collaterali, come nausea e costipazione. Inoltre, presentano un gran rischio di abuso. Uno studio americano mostra che il dronabinol (THC) a bassi dosaggi può migliorare l’effetto antidolorifico dell’idromorfone. Tuttavia, dosi più alte del cannabinoide hanno aumentato la sensibilità al dolore, il potenziale di abuso e il rischio di effetti collaterali. Pertanto, si applica l’adagio: meno è meglio.

Studio sperimentale del dolore con 29 soggetti sani

Lo studio in doppio cieco, randomizzato e controllato con placebo della Johns Hopkins University ha coinvolto 29 soggetti sani. Una bassa dose di idromorfone è stata scelta come antidolorifico oppiaceo. Il farmaco a base di cannabis somministrato era il dronabinol, una forma sintetica del tetraidrocannabinolo (THC). Il team di ricerca ha condotto le prove con cinque diverse combinazioni di farmaci:

  • Placebo e placebo
  • Idromorfone e placebo
  • Idromorfone e dronabinol a bassa dose
  • Idromorfone e dronabinol a media dose
  • Idromorfone e dronabinol ad alta dose

Il team scientifico ha prima condotto una ricerca per misurare la percezione del dolore dei partecipanti senza l’influenza dei farmaci. Sono stati utilizzati stimoli di calore come modello di laboratorio per il dolore acuto per determinare la soglia del dolore e la tolleranza. La soglia del dolore si associa alla temperatura che viene percepita come dolorosa. La tolleranza al dolore è il calore massimo che può essere tollerato. Inoltre, i ricercatori hanno esaminato nei soggetti del test la sensibilizzazione centrale (maggiore sensibilità al dolore). Per simulare il dolore cronico, una crema alla capsaicina venne applicata sulla pelle. La capsaicina è l’ingrediente pungente del peperoncino.

I partecipanti hanno poi assunto il farmaco. Gli scienziati a quel punto hanno ripetuto le misurazioni e documentato tutti gli effetti collaterali che si verificavano. In aggiunta, i partecipanti hanno valutato la forza delle loro sensazioni soggettive su una scala analogica visiva (VAS) da 0 a 100. Sono stati valutati gli effetti piacevoli e spiacevoli e la sensazione di “sballo”. Per indagare il potenziale di abuso, ai partecipanti è stato chiesto se avevano apprezzato gli effetti del farmaco e se avrebbero preso di nuovo il farmaco dello studio.

Basse dosi di THC migliorano l’effetto analgesico dell’idromorfone nel dolore acuto

Lo studio scientifico ha mostrato che l’idromorfone poteva difficilmente ridurre il dolore acuto sperimentale in comparazione al placebo. I soggetti hanno riportato una soglia media del dolore da calore di 44,0° Celsius quando prendevano l’idromorfone, che aumentava quando prendevano il placebo a 44,7° Celsius. Se il dronabinol veniva assunto in aggiunta all’oppiaceo, sia la soglia del dolore che la tolleranza al dolore aumentavano negli studi sul dolore acuto. La più piccola dose di dronabinol (2,5 mg) ha mostrato il maggior sollievo dal dolore. La soglia del dolore saliva infatti a 45,6° Celsius, un aumento di 1,6° Celsius. La temperatura massima tollerabile era anche più alta a 48,9°Celsius rispetto all’assunzione del solo idromorfone (48,1°Celsius). Al contrario, non si sono notati effetti nel modello di test per il dolore cronico.

Tuttavia, anche il potenziale di abuso era maggiore. Per esempio, con l’uso combinato di idromorfone e una bassa dose di dronabinol, il 20,7 per cento dei soggetti ha riferito che il loro sballo soggettivo sul VAS era superiore a 60, rispetto al 3,4 percento di chi aveva preso solo l’oppiaceo. Secondo i soggetti, più della metà (51,7%) userebbe di nuovo la combinazione di idromorfone e una dose media di THC, rispetto al 34,5% che avrebbe usato solo l’oppiaceo.

Maggiore sensibilità al dolore quando gli oppiacei sono combinati con il dronabinol ad alte dosi.

Tuttavia, le due dosi più alte di cannabinoidi non hanno avuto un effetto maggiore contro il dolore. Al contrario: quando si assumeva idromorfone insieme alla dose più alta di dronabinolo, si osservava una cosiddetta iperalgesia, cioè un aumento della sensibilità al dolore. Inoltre, i partecipanti che hanno assunto una dose media o alta di dronabinol hanno riportato più effetti collaterali. Tuttavia, rispetto all’uso del solo idromorfone, il rischio di effetti avversi non era significativamente aumentato.

Sono necessari studi più ampi su pazienti con dolore

I ricercatori hanno dimostrato che basse dosi di tetraidrocannabinolo possono aumentare l’effetto antidolorifico nelle persone che rispondono agli oppiacei. Questo potrebbe permettere di ridurre la dose degli antidolorifici oppiacei, che generano molti effetti collaterali. Poiché i risultati degli studi condotti su persone sane non si applicano necessariamente ai pazienti con dolore, il team di ricerca ha sottolineato la necessità di studi più ampi con persone affette. La futura ricerca mostrerà come i pazienti con dolore cronico possano beneficiare al meglio del trattamento combinato con oppiacei e THC.

Quelle:

https://www.nature.com/articles/s41386-021-01007-4#citeas

Dunn, K.E., Bergeria, C.L., Huhn, A.S. et al. Within-subject, double-blinded, randomized, and placebo-controlled evaluation of the combined effects of the cannabinoid dronabinol and the opioid hydromorphone in a human laboratory pain model. Neuropsychopharmacol. (2021). https://doi.org/10.1038/s41386-021-01007-4

About Minyi

Minyi Lü leidet an chronischen Schmerzen aufgrund ihrer Fingerarthrose. Ihre Beschwerden behandelt sie seit 2017 sehr erfolgreich mit medizinischem Cannabis. Als PTA und Pharmaziestudentin bringt sie nun ihr Know-how ein, um über die neuesten wissenschaftlichen Erkenntnisse rund um Medizinalcannabis zu berichten.