Principali componenti della pianta di cannabis e il loro potenziale terapeutico

I cannabinoidi, agendo insieme ai terpeni e flavonoidi, sono gli elementi base tra le caratteristiche terapeutiche della cannabis.
Esistono altri cannabinoidi di cui però ancora non si hanno ricerche che determinano il loro uso terapeutico. Per questo presentiamo questa infografica in merito ai cannabinoidi terapeutici conosciuti.

Cannabinoidi Terapeutici

CBL (Cannabiciclolo)

Un cannabinoide senza effetti psicotomimetici che è presente in diverse varietà di cannabis.

THC (Delta-9-Tetraidrocannabinolo)

Il cannabinoide più presente e più conosciuto nella cannabis, il THC è il cannabinoide responsabile della maggior parte degli effetti psicoattivi conosciuti e dell’euforia.

THCV (Tetraidrocannabivarina)

Presente nella maggior parte delle varietà della cannabis originarie dell’Africa. Attualmente è oggetto di ricerca come trattamento per disturbi del metabolismo, come il diabete, ed usi come soppressore efficace dell’appetito.

CBD (Cannabidiolo)

In merito al potenziale medico della cannabis, il CBD sembra essere il cannabinoide più promettente per utilizzi terapeutici. Il CBD è un cannabinoide senza effetti psicoattivi, conosciuto per ridurre gli effetti causati dal THC.

CBN (Cannabinolo)

Un cannabinoide leggermente psicoattivo che proviene dalla degradazione del THC e si trova in basse concentrazioni nella cannabis. Gli vengono attribuiti effetti rilassanti.

CBC (Cannabicromene)

Presenta similitudini strutturali con altri cannabinoidi naturali, incluso tetraidrocannabinolo, tetraidrocannabivarina, cannabidiolo e cannabidiolo, con effetti sedanti.