Epilessia refrattaria e cannabis terapeutica

L’epilessia è una malattia che affetta circa 50 milioni di persone in tutto il mondo, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS). Infatti, è uno dei disturbi neurologici cronici più frequenti.

Questa malattia è caratterizzata da convulsioni ricorrenti, ossia episodi brevi di movimenti involontari di una parte concreta del corpo o la sua totalità. Alcune volte, durante gli episodi di convulsioni, siano queste parziali o generalizzate, le persone con epilessia possono anche perdere coscienza e il controllo degli sfinteri.

Nell’epilessia refrattaria le crisi epilettiche sono talmente ricorrenti da impedire fasi senza convulsioni e chi ne soffre non ha la possibilità di condurre una vita normale. In molti casi è dovuto al fatto che i farmaci antiepilettici (FAE) non stanno ottenendo risultati nel diminuire o fermare tali crisi. L’epilessia refrattaria continua ad essere un problema clinico in aumento dato che è presente fino al 35% dei pazienti che soffrono di crisi epilettiche, affettando principalmente bambini e adolescenti.

Effetti dei cannabinoidi

  • Riduzione di convulsioni
  • Adatto a bambini e adolescenti
  • Progressi in studi su pazienti restitenti ai FAE
  • Migliora lo stato di allerta
  • Migliora le abilità motorie

In breve

Diversi studi a livello internazionale stanno dimostrando l’effetto anticonvulsivo della cannabis terapeutica; da questi si evince che una percentuale delle persone con epilessia refrattaria diminuisce considerabilmente gli eventi epilettici e hanno miglioramenti nello stato di allerta e nelle abilità motorie.

L’uso della cannabis nel trattamento dell’epilessia refrattaria

Diverse ricerche hanno dimostrato i benefici dei cannabinoidi nel trattamento di persone con epilessia. Nel caso dell’epilessia refrattaria, uno studio del 2015 sull’uso dell’estratto di cannabis per via orale in pazienti pediatrici con epilessia dimostrano miglioramenti in alcuni pazienti sotto trattamento. [1]

Negli Stati Uniti, nell’Aprile del 2015, vennero presentati i risultati di uno studio di 213 persone con epilessia che non rispondevano ai trattamenti antiepilettici. A tutti loro venne somministrato un prodotto con cannabinoidi (composto al 99% di cannabidiolo) al fine di valutare i risultati ottenibili con questo nuovo trattamento. In 137 persone che seguirono il trattamento durante 12 settimane totali, le convulsioni si ridussero con una media del 54%. [2]

Attualmente in Kalapa Clinic stiamo conducendo uno studio sull’epilessia refrattaria e i cannabinoidi. Se sei interessato nell’ottenere maggiori informazioni o far parte del nostro studio, puoi metterti in contatto con noi.

Bibliografia su cannabinoidi ed epilessia refrattaria

[1] Press, CA. Parental reporting of response to oral cannabis extracts for treatment of refractory epilepsy. Epilepsy Behav. 2015 Apr;45:49-52.

[2] Sirven I, Joseph Y, Shafer O, Patricia. Medical Marijuana and Epilepsy. Abril 2015.

Utilizare CBD per
l’Epilessia Refrattaria

Più info

SE SEI INTERESSATO NEL SAPERE SE PUOI INIZIARE UNA TERAPIA CON CANNABINOIDI, RICHIEDI UNA VISITA QUI.

RICHIEDI UNA VISITA

Altri articoli sui cannabinoidi e diverse patologie.

No votes yet.
Please wait...