Cannabis Terapeutica e Diabete Mellito

Il Diabete Mellito (DM) è una malattia metabolica che si origina nel pancreas. Quest’ultimo non risulta più in grado di sintetizzare la quantità necessaria di insulina, la cui funzione principale è di mantenere  adeguati livelli di glucosio nel sangue e di trasportarlo ad altre cellule per essere utilizzato come energia necessaria per il loro funzionamento.

Come risultato di questa disfunzione pancreatica, si accumulano alti livelli di zucchero nel sangue (iperglicemia), causando, così, una serie di sintomi caratteristici di questa malattia.

Il diabete può essere classificato in due tipologie principali:

  1. Diabete Mellito tipo 1: Più comune in bambini, adolescenti e adulti dove si sono già registrati casi di questa malattia in famiglia. Questo tipo di diabete è contraddistinto da una progressiva distruzione del pancreas a livello cellulare. I sintomi più comuni sono: aumento dell’appetito (polifagia), aumento della sete (polidipsia), aumento della frequenza di minzione (poliuria), perdita di peso, stanchezza, debolezza e visione offuscata, difficoltà nella cicatrizzazione delle ferite ed altri.
  2. Diabete Mellito di tipo 2: più comune negli adulti, è direttamente correlato alla obesità e allo stile di vita dell’individuo; anche se vi può essere relazione diretta con fattori genetici. È 10 volte più comune del DM di tipo 1 ed è relativo alla incapacità del pancreas di produrre insulina necessaria. I suoi sintomi possono non essere evidenti e quindi passare inosservati per anni.
Trattamento Diabete Mellito con Cannabis Terapeutica | Kalapa Clinic

Effetti dei cannabinoidi

  • Riduzione dei problemi di retinopatia
  • Riduzione del dolore neuropatico
  • Regolazione del metabolismo
  • Diminuisce i processi di ossidazione tipici del diabete
  • Diminuzione del danno epatico

In Breve

Sono molti i benefici che si stanno ottenendo nelle ricerche sui trattamenti con cannabinoidi nelle persone che soffrono di diabete. Le loro caratteristiche anti-infiammatorie, sostegno alla retinopatia e le condizioni derivanti da infiammazione cronica, evitando così il deterioramento degli organi. Permettono anche miglioramenti nell’assimilazione del glucosio.

Ricerche sui cannabinoidi e il Diabete Mellito.

La neuropatia è la complicanza più comune del diabete ed è ancora considerata relativamente refrattaria alla maggior parte degli analgesici. Comelli F et al. (2009) ha condotto una ricerca indagando l’effetto anti-nocicettivo di un estratto di cannabis controllata (eCBD) per ridurre il dolore neuropatico dovuto al diabete. I risultati dimostrarono che la ripetizione del trattamento con cannabis allevia notevolmente la sensazione anormale del dolore meccanico (allodinia) e ripristina la percezione del dolore termico senza influenzare la iperglicemia.

Inoltre, i risultati dimostrarono che l’eCBD incrementò il contenuto di glutatione ridotto (GSH) nel fegato, il quale agisce come un meccanismo di difesa e riduce la perossidazione lipidica del fegato, suggerendo che l’eCBD fornisce protezione contro i danni ossidativi del diabete. [1]

Secondo studi preclinici su ratti trattati con CBD, El-Remessy et al. (2006) ha dimostrato che i cannabinoidi sono in grado di alleviare alcuni sintomi della malattia come la retinopatia diabetica (principale causa di cecità da diabete negli adulti), se trattati con CBD per periodi da una a quattro settimane. [2]

D’altra parte, Rajabashisth et al. (2012), tramite uno studio osservazionale, ha valutato la relazione tra DM di tipo 2 e il consumo di cannabis, concludendo che gli adulti di età compresa tra i 20-59 anni, che avevano in famiglia casi noti relativi alla malattia, avevano una minore prevalenza e probabilità di DM rispetto a individui non consumatori di marijuana.[3]

[1]Comelli, F., Bettoni, I., Colleoni, M., Giagnoni, G. and Costa, B. (2009), Beneficial effects of aCannabis sativa extract treatment on diabetes-induced neuropathy and oxidative stress. Phytother. Res., 23: 1678–1684. doi: 10.1002/ptr.2806

[2] El-Remessy et al. (2006). Neuroprotective and blood-retinal barrier preserving effects of cannabidiol in experimental diabetes. American Journal of Pathology 168: 235-244.

[3]  Rajavashisth et al. 2012. Decreased prevalence of diabetes in marijuana users. BMJ Open 2

Altri articoli sui cannabinoidi e diverse patologie.